Paper

Piano per una nuova banca pubblica e di investimenti per 500 miliardi

piano di investimenti per 500 miliardi e di banca pubblica

Banca pubblica per investimenti di 500 miliardi in 5 anni e senza chiedere a prestito un singolo euro? È possibile.

In questo paper gli attivisti hanno avanzato una proposta base per la costituzione di una nuova banca pubblica capace di favorire investimenti per 500 miliardi di spesa in deficit senza stampare nemmeno un euro.

In questo modo viene teorizzato che in 5 anni il rapporto debito/PIL verrebbe portato al di sotto del 60% ovvero la soglia ideale stabilita dai trattati di Maastricht.

All’interno della proposta vi sono anche alcuni esempi di investimenti produttivi con il calcolo teorico del’ammorticcazione dei costi.

L’investimento iniziale di 100 miliardi per cinque anni verrebbe avviato tramite i Certificati di credito fiscale (CCF) di Marco Cattaneo o dai Certificati di Credito Erariale (CCE) di Nino Galloni.

Documento ad opera di Nino Galloni, Guglielmo Soccorsi, Maurizio Gustinicchi, Luca Mibelli, AlessandroBallardin; Edoardo Prezioso (parte econometrica) e Costantino Rover.

 


 

Oggi lo dice anche il responsabile economico di Marie Le Pen

Le Pen e Monot - doppia circolazione Euro - moneta nazionale

 


Pag 47 e 48 del nostro paper…

 

 


La presentazione in Parlamento ai deputati della Commissione Finanze del M5S

 

La ripresa della presentazione tratta dal canale YouTube ufficiale del M5S con la presenza tra gli altri di Alessio Villarosa

 


 

Contenuti principali del paper:

L’austerity e il deterioramento dei conti pubblici

Implicazioni della sotto utilizzazione della capacità produttiva

Contabilità vs Econumanesimo

Esempio econometrico di investimenti per 500 miliardi in 5 anni

L’output gap

Le politiche governative anticicliche

Esempi di possibili investimenti produttivi

Possibili metodi di finanziamento

Banca pubblica

Moneta fiduciaria – pubblica e privata

Quante risorse finanziarie servono per metterlo in pratica?

 

SCARICA IL PDF


 

 


 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.