Secolo XXI

Ve la state prendendo con i fascisti sbagliati

Seawatch ve la state prendendo con i fascisti sbagliati

Ogni tanto fa bene vedere qualcuno trasgredire le regole. Io vorrei che si iniziasse a trasgredire alle regole dei fascisti, quelli veri.

D'altro canto la trasgressione ai trattati europei è uno dei miei sogni più reconditi e anelito del progetto di Economia Spiegata Facile.

Almeno a me fa piacere che la “capitana” di Sea watch 3 abbia comunque fatto un piccolo grande gesto di disubbidienza.

Concediamole almeno l'onore delle armi, invece che insulti.

Del resto è stato un gesto a proprie spese e personalmente ne apprezzo lo spirito anche se rimango della mia opinione sull'abuso sui migranti.
Mediamente i nuovi migranti una volta in Italia sono destinati a finire quasi peggio di come stavano a casa propria perché diventeranno schiavi nella malavita, nel caporalato o su un marciapiede.

Disubbidienza contro i fascisti.
Proviamoci tutti insieme con quelli veri.

Va da sé che si tratta SEMPRE di migranti messi sui barconi da un mercantilismo predatorio, quello per intenderci del coltan e delle terre rare che finiscono nei nostri cellulari e nei nostri gingilli tecnologici a basso costo (sulla pelle dei migranti e degli schiavi).

È il mercantilismo predatorio che dopo aver saccheggiato estremo oriente e America latina (chiamandola globalizzazione) gli ha rubato casa, terra e futuro, eppure contro cui non vedo un alito di vento contrario di protesta.

 


 

Ironia della sorte, tutto questo accade proprio nel giorno in cui i "fascisti" si incontrano per fare un accordo per cessare di essere nemici.
Denuclearizzazione della Corea vs. cessate delle sanzioni che colpiscono un'intera popolazione.
Ma sono obiettivi da fascisti questi?

Il fascista a stelle e strisce va a stringere la mano, primo Presidente Jankee a varcare il confine tra le due Coree alla ricerca, LUI (lo stesso che ha il record di non aver ancora scatenato una guerra), di un accordo di pace, a Kim, ritenuto un altro schizzato sulla base di ridicole leggende metropolitane di zii dati in pasto ai cani.

 

 

Insomma mica come il premio Nobel per la pace, “bello, giovane e abbronzato” recordman di lancio della bomba sul civile, ma ancora osannato dal mondo intero.
Lui non si è mai occupato, neanche per un minuto, di denuclearizzazione durante il suo doppio mandato.


 

Chi sono i veri fascisti di oggi?

Se la capitana della Sea watch 3 verrà processata e persino condannata (in Italia, con la magistratura che abbiamo? Suvvia, anche se fosse sarebbe la solita pagliacciata) diventerà una sorta di icona.
Magari per breve tempo visto come eroi e gaglioffi vengono continuamente dati in pasto ad uso e consumo del pueblo e poi ingurgitati appena una “new entry” occuperà il loro spazio sul piatto di social e media.

Ma ciò che continua a sfuggirci è che la battaglia da parte degli immigrazionisti senza se e senza ma è ideologica, mentre quella di Salvini che ha preso di mira solo le ONG, non gli immigrati, è politica.

Continuare a negarlo pur sottolineando che gli sbarchi continuano ogni giorno equivale ad accaparrarsi un ruolo in una guerra che non esiste e a consegnare il Paese alla destra, che vi piaccia o meno.

 

Crearsi i nemici per illudersi di essere dei guerrieri.

È tipico della sinistra (per semplificare) speculare sulla povertà altrui (e sugli atti eroici a spese dei disubbidienti) per auto attribuirsi un qualche merito o potere divino che non esiste e comunque non si è mai saputa guadagnare.

Il fatto stesso che continuino ad arrivare migranti ogni giorno, senza speronamenti, affondamenti, torture, persecuzioni e quant’altro si voglia attribuire ai “fascisti”, dimostra che forse non vince nessuno (come se ci debba sempre essere uno che ce l’ha più lungo) ma che i migranti “che ce la fanno” raggiungono l’agognato traguardo salvando la propria vita.

Ma questo fa rosicare qualcuno che trae maggiori benefici o soddisfazione per la propria propaganda se ne annega quanlcuno.


 

Una guerra inventata ad uso e consumo di un'ideologia morta.

Ma soprattutto che la sinistra (sempre volendo semplificare) ha perso la battaglia inventata per non prendere atto che i problemi reali sono una magistratura politicizzata, corrotta e inutile, un sistema di cooperative marcio, un sistema fraudolento e criminale come quello della tratta dei minori sottratti alle famiglie e il tessuto produttivo distrutto dallo stesso fascismo che vede l’Africa lottizzata e venduta a tranci.

Gli italiani, quei pochi rimasti a votare, lo stanno sottolineando DEMOCRATICAMENTE in cabina elettorale.

È un vero peccato che tante energie positive vadano sprecate sulle due curve sempre opposte quando, se sapessero mettere nel mirino il nemico comune, i veri fascisti, potrebbero davvero condurre la grande guerra della disobbedienza civile e politica per liberare tutti e fare spazio, sia qui che a casa loro, a chi fugge su di un barcone.


Una generazione che ha perso.

Giorgio Gaber ebbe persino il coraggio di intitolare il suo ultimo disco alla propria sconfitta.
Scrisse "La mia generazione ha perso".

Gaber aveva anche previsto come la globalizzazione avrebbe ribaltato il mondo e che nonostante ciò le ideologie avrebbero rinnegato sé stesse pur di non ammettere che se l'erano presa con i fascisti sbagliati!

Onore delle armi anche a lui per quel suo ultimo atto di disobbedienza verso il proprio clan e verso la propria generazione che mille battaglie aveva vinto, ma alla fine aveva perso la guerra ed era persino passata dalla parte del nemico senza neanche accorgersene.
Prendano appunti gli elettori del PD.

Gaber, uno dei pochi della sua specie ad averlo capito ed a riconoscerlo.
Dietro agli altri si sono accodati milioni di persone delle generazioni successive, come se quel tipo di lotta e di ideologia fossero state le uniche possibili.
Mentre i decenni e il progresso continuavano a scorrerci sotto ai piedi.

Andate a prendere i fascisti veri.
Quelli che estraggono il coltan e le terre rare a casa dei migranti e degli aschiavi nei Paesi emergenti per farci i telefonini a basso costo.
Andate a prendere loro e libererete il mondo!

Continuo a ripetervelo da tempo, ve la state prendendo con i fascisti sbagliati.

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

2 pensieri su “Ve la state prendendo con i fascisti sbagliati

  1. Sarebbe giusto che dopo il Nome e Cognome ci fosse l’acronimo dell’appartenenza politica.
    E questo per ogni personaggio pubblico o privato che appaia in TV e dica la sua opignone.
    Nelle televisioni spesso si omette volutamente questo importantissimo particolare al fine di fare propaganda politica.
    Far credere che quanto viene detto, è frutto di indipendenza di pensiero .
    Anche Voi dovreste dichiarare e metterci la faccia su quello che scrivete.
    E’ importante sapere se se avete votato o siete favorevoli al PD, 5Stelle, ecc, ecc.
    Non è giusto diffondere notizie, nozioni, ecc. senza metterci faccia e partito.
    Ho installato Telegram. come usarlo ora con Voi?
    Cordialmente

    1. Ogni idea può essere etichettata di destra, di sinistra, di su o di giù, ma è un problema di ha bisogno delle etichette per orientarsi, non è un problema delle idee in sé.

      Per quanto mi riguarda l’ho anche messo per iscritto sul blog “battitore libero”, ma nel caso di questo blog non si vuole fare propaganda politica per attirare un tifo in particolare.

      Non seminiamo bufale e non facciamo complottismo per attirare frotte di fans e di compratori.
      Questo mi pare sufficiente a dimostrare l’onestà intellettuale e la coerenza di questo progetto, non verso un pubblico amico, bensì verso chi entra per informarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.