Econo-Mia

NINO GALLONI, TRA LE MIE PREVISIONI UNA SPAVENTOSA CRISI NEL 2019

Nino Galloni scrive la prefazione al libro di economia spiegata facile

Tra i vari scenari futuri che si potrebbero delineare già a partire dal 2019, ve ne è uno particolarmente complicato che potrebbe verificarsi osservando alcune delle condizioni che stanno maturando .
Questo scenario, anche se non è il più probabile, è certamente possibile e, altrettanto certamente, il più negativo per l’Italia.

Infatti, si può prevedere che nel 2019 vi sarà una crisi spaventosa.

IL CAMBIO DI GUARDIA ALLA GUIDA DELLA BCE

Le principali ragioni che ci possono portare a questa crisi sono palesi e ben note.
Con la conclusione del 2018 assisteremo alla fine del quantitative easing (QE) a cui seguirà, pochi mesi dopo, il programmato passaggio di consegne da Mario Draghi al nuovo Presidente BCE che sarà un Tedesco.
A quel punto, le politiche monetarie della BCE si saranno allineate su quelle, già adesso ben più restrittive, della FED americana.

È in ragione delle politiche della FED che Trump è costretto ad insistere sulle politiche dei dazi, perché senza svalutazione del dollaro è necessario che gli USA trovino altri stratagemmi per difendere la propria economia.
Anche Cina, India e Russia non hanno interesse a che il Dollaro si svaluti, perché la moneta che questi Paesi stampano e con la quale si stanno comprando il mondo è garantita dal Dollaro e poi perché un Dollaro non debole favorisce il loro export.

 

 


"Trovo che L’ECONOMIA SPIEGATA FACILE vada nella giusta direzione di trasformare il lettore, qualunque sia la sua età o il background culturale, in protagonista ed esecutore del cambiamento"

Nino Galloni
Economista già direttore generale del Ministero del Lavoro


 

QUESTIONI DI GEOPOLITICA

Gli Stati Uniti si stanno indebolendo dal punto di vista geopolitico, Cina, India e Russia, invece, si stanno rafforzando; scartando l’ipotesi guerra mondiale, perché sarebbe troppo devastante, prima che questi quattro Paesi trovino degli accordi simili a una nuova Bretton Woods - che comunque sarebbe una soluzione apparente - è possibile che, nel 2019, la Germania si voglia staccare dall’Euro dando la colpa all’Italia.
La Germania potrebbe sfilarsi per guardare ad est perché il suo modello industriale, basato sulla metalmeccanica, non ce la farebbe guardando soprattutto ad ovest.
Se la Germania tirerà dritta e non vorrà certamente farsi carico del naufragio dell’Euro perché poi i mercati gliela farebbero pagare (non dimenticandosi che la Deutsche Bank ha ancora 70 mila miliardi di titoli tossici nei suoi bilanci).

Ma prima che l’Euro vada per aria quale sarà il problema maggiore per l’Italia?
Se saremo sotto attacco della finanza internazionale e senza QE, da una parte i nostri titoli verranno buttati sul mercato, le società di rating ci declasseranno e, se noi non ci saremmo già attrezzati (con una agenzia di rating alternativa) le banche non potranno più tenere i nostri titoli di Stato nei loro bilanci e, quindi, dove andremo a pescare la moneta che ci serve?

 

Economia Spiegata Facile ha scelto Gigko Edizioni

 


SOLUZIONI POSSIBILI PER L'ITALIA

Se l’Italia cartolarizzasse i 500 miliardi di crediti fiscali inesigibili, potrebbe vendere i titoli così creati alla BCE per finanziarsi con la liquidità che ne riceverebbe in cambio.
Se il governo italiano saprà sfidare coraggiosamente i mercati, le cose miglioreranno per noi; ma se invece calerà le braghe, saranno dolori.
Se l’Italia non può stamparsi da sola i soldi, non si dota di una moneta parallela, non si vuole tornare a prima del 1981, l’Euro lo gestisce la BCE che potrebbe imporre politiche restrittive, il massimo che si può fare è emettere titoli, ma se poi i principali acquirenti che sono le banche, non possono averli a bilancio, per noi è finita: in questo caso i regolamenti europei prevedono che la BCE ci compri i titoli direttamente, ma in cambio del commissariamento totale del Paese. Quello che si voleva fare per la Grecia!
E, allora, vi immaginate il coro dei Renzi, Gentiloni, Martina, Berlusconi e soci?


A CHI DARANNO LA COLPA DELLA NUOVA CRISI IN ITALIA?

A quel punto i sovranisti e i noeuro verranno fatti passare per i colpevoli di quello che è successo.
Quello che occorre, come stiamo ripetendo da sempre, è il fatidico piano B, che di recente Paolo Savona ha riproposto come tema da far entrare nell’agenda politica dell’Italia. Ma potersi gestire le politiche monetarie comunque non sarebbe sufficiente per l’Italia. Occorre che la politica italiana viri verso nuovi modelli economici capaci di sostenere l’economia nel futuro.

Ma cosa può fare il semplice cittadino all’interno di una cornice così ampia e complessa? Sarà ancora disposto a fare trascinare le sue paure dalla corrente del pensiero dominante o sarà in grado di distinguere la propaganda dalla realtà?
Ciò che nei decenni che ci hanno preceduto è certamente mancata è la consapevolezza che i cambiamenti geopolitici potessero essere incanalati entro alvei più prossimi alle aspettative del cittadino se questo riesce ad elaborare una voglia di cambiamento e di partecipazione di massa.


INFORMARSI PRIMA DI DIVENTARE UN GIOCATTOLO IN MANO ALLA PROPAGANDA PRO EURO

Occupy wallstreet e i movimenti anti globalisti, severamente puniti al G8 di Genova, hanno dato un segno di svolta che sembrava essersi sopita e invece no.
Le recenti elezioni in Italia ci hanno dato un assaggio di come gli scenari possono essere ribaltati. Il segno del risultato che l’esecutivo appena insediato saprà dare lo vedremo solo con il tempo.

Occorre però che i cittadini imparino a dotarsi di strumenti utili a mettergli nelle coscienze la consapevolezza necessaria per partecipare attivamente al cambiamento e smettere di fare gli spettatori o i tifosi assiepati in questa o quall’altra curva politica.
Questo manuale va sicuramente incontro a questo importante obiettivo.

Trovo che L’ECONOMIA SPIEGATA FACILE vada nella giusta direzione di trasformare il lettore, qualunque sia la sua età o il background culturale, in protagonista ed esecutore del cambiamento.

Nino Galloni
Economista già direttore generale del Ministero del Lavoro


Questo brano è ricavato dalla prefazione di Nino Galloni al libro L'economia spiegata facile isbn 9788895288901

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

6 pensieri su “NINO GALLONI, TRA LE MIE PREVISIONI UNA SPAVENTOSA CRISI NEL 2019

  1. sarà una coincidenza ma Cina e Russia hanno il controllo della loro rete con i loro motori di ricerca mentre l’India sta ultimando i lavori per estromettere anche lei google dal suo paese . L’autonomia della rete ed essere al riparo dello spionaggio è un altro passo per rafforzarsi nei confronti degli USA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.